Non mandi tuo figlio all’ Asilo ?

Non vedo l’ora di mandare mio figlio all’asilo

Quante volte ho già sentito questa frase. Mamme che parlano in fila al supermercato, aprono la bocca per demolire l’atmosfera. Mi viene da guardare i loro bambini, seduti tranquillamente sul seggiolino del carrello e provo una tenerezza infinita.

Poi guardo la mia, l’ho rincorsa per le corsie e fra gli scaffali come giocassimo al gatto con il topo e per lei era tutta una magia. Sono stanca ed ho rasentato l’esaurimento nervoso fino al momento in cui non mi sono arresa al gioco.

Non vedo l’ora di mandare mio figlio all’asilo. Quando sento una mamma dire queste semplici parole provo disagio.

busy-880800_640Perché questa fretta?
Per avere più tempo per me stessa“.
Certo, tornerai ad essere una gran figa, forse avrai un lavoro , risponderai al telefono come un automa o metterai ciotoline in riga. Indosserai la tua maschera preferita e troverai altre cose delle quali lamentarti.

Oh ma lui/lei è contento, non vede l’ora di andare all’asilo! Si abitua presto! 

Niente da fare, la sensazione di disagio iniziale rimane. Mi dissocio dalle mamme che non vedono l’ora di mandare i propri figli all’asilo. Non voglio pensare al giorno in cui penserò di farlo.
Ci sono mamme che non vorrebbero mandare i propri figli all’asilo, ma sanno che è il prezzo che dovranno pagare, tutti, per mandare avanti la baracca in situazioni nelle quali si ritrovano incastrate, come mattoncini essenziali per la struttura.

Io non ho attualmente questa necessità, mi concedo l’unico lusso di giocare con mia figlia, di chiacchierare con lei, di aspettare il sole e la luna.

Tu sei fortunata, mi dicono non hai un lavoro (!?) Bhe, io e mio marito abbiamo scelto di vivere con la metà dei soldi, esattamente come altri scelgono di vivere con il doppio.


 

figli asiloNon vedo l’ora di mandare mio figlio all’asilo, ho bisogno di tornare alle mie abitudini, del tempo per me stessa.
Tu? Non mandi tuo figlio all’asilo?

Mia figlia ha due anni e mezzo, è piccola!

Non la mandi al nido??

No, dovrei?

Certo che si, si fa nuovi amici, socializza!!!

……….!!!!!!


Avevo letto, poi ho avuto conferma dall’esperienza e dai racconti delle mie amiche maestre, che i bambini piccoli giocano da soli (o con qualcuno che richiami la loro attenzione con pazienza e delicatezza). Non provano particolare interesse nel gioco condiviso almeno fino a dopo i due anni, ma è un’astrazione, non vale per tutti.

La mia gioietta sta cominciando solo adesso a giocare con altri bambini suoi coetanei, ma devo ammettere che finora ha ricevuto poche soddisfazioni. Alcuni bimbi ricambiano il suo entusiasmo, altri ne sono infastiditi.

Tutti i bambini sono diversi, ricevono stimoli diversi, sviluppano diverse capacità, hanno reazioni differenti ed una diversa maniera di giocare.

Mia figlia è piccola per giocare con bimbi anche di poco più grandi, basta una piccola spinta che vola via. Lei è ostinata e vuole partecipare, peccato che non sia gradita fra i più grandicelli!

Una maestra d’asilo mi spiegò che all’ingresso le mamme sono tutte preoccupate e le lasciano mille raccomandazioni, sui giochi preferiti, sulla maniera più efficacie per calmare una crisi di pianto, su cosa possa fare e cosa no e via dicendo… poi vanno via, si chiude la porta, e chi si ricorda cosa valeva per l’uno e non per l’altro? Diventano tutti uguali.dog-461002_640

Morale:
Preferisco occuparmi di mia figlia personalmente, lo farò fino a quando potrò farlo.
Mi dico sempre che se lei ha scelto noi, ci sarà un motivo.


 

Cornetto di Miglio per Bambini
Cornetto di Miglio per Bambini
21,00 €
Acquistalo su SorgenteNatura.it

greenisgood

Una mamma, un padre, una moglie, un uomo, una figlia, uno stile di vita.

6 pensieri riguardo “Non mandi tuo figlio all’ Asilo ?

  • settembre 14, 2016 in 8:43 pm
    Permalink

    Ciao, sono mamma di una bimba di 4 anni oggi primo giorno asilo… Come vorrei non mandarcela… Ho fatto questa scelta perché ha un gran bisogno di stare con altri bimbi ma le scuole cosi come strutturate … Le persone sono numeri … Gli adulti sono a disagio quando cambiano lavoro o città … Si trovano in deiezione, vanno sotto stress si prendono le ferie ed invece i bimbi devono andare a scuola e all’improvviso 5 h in un posto che non conoscono con gente che non hanno mai visto… Non c’è altro da aggiungere. Solo stargli accanto guidarla mentre gli faccio conoscere questa civilta’. Ciao a tutte un abbraccio di cuore. Se senti il respiro di un albero siamo tutti uno e tutt’uno con l’universo, Sabina

    Risposta
    • settembre 23, 2016 in 9:25 am
      Permalink

      Ciao Sabina, un abbraccio grandissimo in questo periodo di cambiamenti. Crescono, così in fretta che a volte rimango stordita, ed è affascinante e spaventoso al contempo. L’Amore è una forza meravigliosa.

      Risposta
  • marzo 8, 2017 in 3:37 pm
    Permalink

    Ciao, ho letto questo post con molto interesse, mi sono ritrovata tantissimo nelle tue parole. Sono mamma di una bimba di 4 anni ke a Settembre ha iniziato la scuola materna (io sono a casa), l’ho mandata soprattutto x farla “socializzare” come dicono tutti ma dopo 7 mesi ti posso dire ke è un disastro. Ha collezionato : 1virus virale con 40 di febbre, 1 tonsillite, 1laringite e 3otiti. Un vero incubo!! Premetto ke prima dell’asilo nn aveva MAI preso un antibiotico. La pediatra mi ha detto di tenerla a casa x 1mese perchè nn deve prendere altri antibiotici. Socializza? No. È timida e nn è cambiato nulla..mi dice sempre ke nn vede l’ora di tornare a casa a giocare con me (sono stata molto presente nella sua crescita e ho inventato sempre mille giochi x lei). Tutti mi dicono: “ma si sa il primo anno si devono fare gli anticorpi”. Io credo solo ke prima la mia bimba era così felice e libera …non credo ke in qs mesi abbia guadagnato nulla di bello.

    Risposta
    • marzo 16, 2017 in 8:22 am
      Permalink

      Io sto aspettando abbia 4 anni per provare a mandarla all’asilo mezza giornata, ma a leggere la tua esperienza mi passa quel poco di curiosità che ho nei confronti dell’asilo. Rimane il fatto che, essendo un’esperienza, la farei provare. Mal che vada, mi chiedesse “aiuto”, la riporterei a casa con me.
      Non sono una fan accanita dei “si abituerà” e “imparerà a difendersi“, anzi sono convinta che ogni bambino abbia la sua sensibilità e le sue tempistiche, ma soprattutto, penso sia importante si sentano sicuri, per diventare adulti sicuri.
      Le loro sicurezze, ad oggi, siamo noi.

      Risposta
  • maggio 18, 2017 in 9:18 pm
    Permalink

    Cia trovo questo articolo molto interessane a me gli asili nn piacciono lo mandato il primo anno che aveva 2anni e mezzo povero cucciolo si e preso ogni cosa febbre ottiti ecc… a gennaio nn lo più mandato poi a settembre rimandato si e ammalato dinuovo il mio Lorenzo ha 4 anni io nn lavoro quindi può stare cn me ma tutti mi dicono che dv andare e socializzare ma la maestra mi a dt che lui nn gioca cn gli altri ma da solo.o cn le maestre e allora che ci va a fare lui e felice a casa cn me me lo dice e io sarò anche un egoista perché nn ho tutta questa fretta di stare senza lui quando nn ce mi manca mi riempie le giornate cucciolo di mamma

    Risposta
    • luglio 4, 2017 in 12:02 am
      Permalink

      Ciao, io ricordo che non apprezzavo l’asilo. Sentivo molto la mancanza di casa, dei miei spazi, sentivo che mi era richiesto di interagire ed io non volevo farlo. Non mi piacevano le grida degli altri, né i capricci. Ricordo che quando mi avvicinavo alla maestra per avere una carezza, puntualmente dovevo dividerla con altri bambini.
      Non avevo problemi a socializzare, ero solamente molto selettiva.
      Si sta molto meglio con la mamma!!!

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *